Il fotolibro di Saal Digital: garanzia di una bella figura

Il fotolibro di Saal Digital è una piacevolissima conferma della qualità e dell’affidabilità dell’azienda tedesca, che ormai scelgo sempre per accompagnare il mio lavoro.
In questo caso ho voluto stampare le immagini più significative del mio viaggio in Polonia, per avere un racconto vivo, cartaceo, indelebile, di tutte le emozioni che ho vissuto in una terra così lontana e bella.
Ciò che mi ha piacevolmente impressionato, ed è la ragione per cui scrivo questa recensione, è la semplicità nella realizzazione del prodotto. Ma partiamo dalle basi:

Facile da realizzare

Interfaccia programma fotolibro

Il programma, liberamente scaricabile dal loro sito web attraverso questo indirizzo, è disponibile per Mac e PC. L’installazione è rapidissima e molto semplice e l’interfaccia grafica, confrontata con software analoghi di diversi siti web della concorrenza, l’ho trovata piacevole da usare e più aggiornata. Funziona bene anche per l’iMac Retina, che spesso fa soffrire parecchio i programmi meno aggiornati. In ogni caso si notano i pixel grossi, dovuti ad una risoluzione inferiore dell’interfaccia.

L’interfaccia del programma è decisamente comoda ed intuitiva: basta aggiungere le immagini nel flusso di lavoro sulla sinistra e poi trascinare le fotografie nei riquadri. Si può scegliere di fare una impostazione automatica (cosiddetto “fotolibro in un minuto“), che è piacevole di suo, oppure scegliere l’impostazione completamente manuale.
Da professionista non gradisco le grafiche automatiche con la possibilità di inserire effetti grafici come finte cornici, fiori o altre amenità del genere, roba anni ’80 che fa un po’ boomer, ma ovviamente per chi è amante del genere è un plus da poter sfruttare. Altrimenti rimarranno nel cassetto.

Se volete invece gestire proprio la fase produttiva dal primo all’ultimo millimetro, allora Saal Digital mette a disposizione tutti i file grezzi su cui lavorare. Clicca qui.

fotolibro su sfondo ligneo

Ti fa fare bella figura

La qualità del libro è eccellente. La grammatura della carta è ottima e restituisce al tatto una sensazione solida, piacevole e gradevole al tatto. Anche i colori sono brillanti e lucidi. E dire che ho selezionato l’opzione più economica di realizzazione!
A livello tecnico, il layout di stampa e i margini di ritaglio sono stati rispettati alla perfezione. Significa che nelle vostre foto non troverete teste tagliate o dettagli nel posto sbagliato. Mica poco.

Ma veniamo al prezzo, senz’altro il punto forte dell’offerta: un fotolibro si può creare a partire da 20 euro, cifra estremamente concorrenziale che, nell’offerta economica per un lavoro, può sicuramente permetterti di fare un prezzo minore. Un’attenzione che i vostri clienti gradiranno sicuramente! Il pagamento avviene tramite PayPal. Santa cosa.
Il libro in questione, che conta 40 pagine in formato A4, l’ho pagato esattamente 42 euro.

La carta è spessa e piacevole al tatto

Per ultima, è da sottolineare la rapidità nelle consegne: ho ordinato il fotolibro il 9 gennaio ed è arrivato a casa mia il 13, con spedizione dalla Germania.
Attenzione solo alle produzioni durante le festività: in quel caso si può arrivare ad aspettare fino a due settimane. Mi è capitato nel caso dell’ordine dei calendari, che mi sono arrivati addirittura dopo Capodanno. Ne ho ordinati 15 in una prima tornata e altri 15 il 21 dicembre, che sono arrivati esattamente il 3 gennaio.

Attenzione: per rimuovere il piccolo codice QR, quindi avere una pubblicazione perfettamente pulita da qualsiasi elemento estraneo, bisogna pagare circa 5 euro. Poco male, nel mio caso non aveva alcuna rilevanza. Non dà alcun fastidio.

Il calendario che ho stampato con Saal Digital a dicembre

In ogni caso, Saal Digital è e sarà per parecchio tempo il mio principale fornitore di servizi di stampa cartacea. Dopotutto, non c’è nulla da fare: potremo scattare le fotografie digitali più belle del mondo, ma l’emozione vera, quella umana, profonda e tangibile, potrà essere regalata solo dai colori impressi su un foglio di carta o su una tela.

-Federico Quagliuolo